“Questa volta…no” di Ingrid Rivi

“Questa volta…no” di Ingrid Rivi è un libro dalle note dolci e amare.

“Questa volta...no” di Ingrid Rivi

TRAMA: “Questa volta…no” di Ingrid Rivi

Sei felice?
E’ la domanda che Patrick si pone senza darsi una risposta.
Andrea Vittoria al contrario sembra avere le idee chiare al riguardo: “Mi sono accorta di essere felice dal rumore che ha fatto andandosene”.
Patrick e Andrea Vittoria non hanno niente in comune o quasi, ma quella strana ragazza, lontana dallo stereotipo ideale di Patrick inizia a prendere sempre più spazio nei suoi pensieri.
Scovare la felicità è il grande sogno per entrambi che cercano il loro posto nel mondo e forse lo troveranno proprio tra le mura di un piccolo paesino incastonato nell’Appennino bolognese: Pian del Voglio.

LINK ACQUISTO

Recensione

Quando un libro ti ruba il cuore è impossibile non passare ore piacevoli e sognanti.
È ciò che mi è successo leggendo “Questa volta…no” di Ingrid Rivi, un’autrice scoperta già nel romanzo “Se solo non ti avessi incontrato” e che non mi aveva deluso.

Un romance scritto bene lo si riconosce ed è proprio di questo che oggi parliamo.

Il libro di Ingrid presenta sfumature e tematiche molto importanti che ora andiamo ad analizzare per bene:

  • Felicità: chi non è alla ricerca della felicità? Chi non si è sentito almeno una volta di volerla a tutti i costi ma di non sapere nemmeno dove iniziare a cercare?
    Il nostro protagonista, Patrick, ne è la prova e incarna benissimo un esempio di tante persone.
    La felicità non la si trova nelle feste, nelle tante donne ottenute, nella ricchezza. 
    Patrick se ne accorgerà andando avanti con la storia.

  • Dipendenze: Qui tocchiamo un tema molto duro e che, ancora oggi, rovina molte persone.
    Le dipendenza, dal gioco alla droga, sono un fattore principale nella storia e nella vita dei due protagonisti.
    Questo ci farà amare di più il romanzo perchè una storia con argomentazioni forti è sempre tra le miglior storie che rimangono impresse nella mente del lettore.

Queste sono le due sfumature più evidenti e che più ho apprezzato ma non solo questo.
Il contesto in cui ci troviamo è di due persone completamente diverse tra loro, se da un lato abbiamo Patrick che, nonostante sia ormai un uomo all’alba dei 40, ancora non sa cosa farne della sua vita e non ha una stabilità, dall’altra abbiamo Andrea Vittoria, una Donna con la D maiuscola che ha subito un duro colpo nel suo passato e che si è ritrovata da sola a dover gestire la sua vita.

Un altro aspetto che ho apprezzato è l‘ambientazione: Pian Del Voglio.
Personalmente non lo conoscevo e le descrizioni di Ingrid sono state così minuziose da farmi sentire parte del posto e sentirmi accolta da quel luogo con le increspature magiche della neve e della natura che germoglia.

Insomma, se non si fosse capito, questo è un romanzo che ti si incastra nel cuore con la sua dolcezza e la sua nota amara, con quella voglia di sfogliare le pagine per sapere come va a finire.

La penna di Ingrid non delude nemmeno stavolta e anche stavolta ha fatto breccia nei miei sentimenti lasciando il segno, il segno che lascia un buon libro letto al mattino col caffè caldo e la felicità negli occhi.

Arianna