Un caffè con Lina Giudetti

Oggi prendiamo un caffè con Lina Giudetti che si racconta tramite l’intervista a lei dedicata.
Vi ricordo che il suo libro potete acquistarlo a questo link e che qui trovate la recensione.

 

Un caffè con Lina Giudetti
In foto il libro dell’autrice

Ciao Lina benvenuta su onlybookslover.it.
Raccontaci un po’ di cosa parla il tuo libro.

Ciao e grazie per l’intervista! Dunque, questo mio nuovo romanzo è una sorta di favola classica e antica, che parla dell’ideale d’uomo, di quel “principe azzurro” che tutte le donne sognerebbero a occhi aperto di conoscere, ma è anche una storia che illustra l’eterna lotta tra il bene e il male, tra ricchezza e povertà e tra prevaricazione e debolezza. Vengono contrapposti due mondi diversi tra loro nella trama: nobiltà e borghesia, su uno sfondo paranormale dominato da divinità e folletti, ma il fulcro è l’amore che sboccia tra l’erede al trono e una popolana abile vinificatrice. Sembrano destinati a stare insieme, ma le circostanze sono ostili…

Hai riscontrato difficoltà nello scriverlo?

In alcune scene sì, tipo quelle di azione e di cappa e spada.

C’è stato un momento che avresti voluto mollare tutto e lasciarlo a metà?

L’ho già fatto anni fa questo! Iniziai a scriverlo, ma avevo difficoltà ad andare avanti e mollai il progetto. Quest’anno l’ho voluto riprendere con assoluta determinazione e sono riuscita a completare il primo volume!

Se potessi decidere un genere diverso, cosa scriveresti?

Un horror da far venire i brividi lungo la schiena, ma non so se ne sono capace.

Come ritieni la tua scrittura? Descrivicela un po’

Io la definisco semplice. Preferisco descrivere le emozioni piuttosto che gli ambienti e i paesaggi, perché benché se ne dica, la verità è che la maggior parte dei lettori di oggi ha fame di emozioni e reputa inutili, ai fini della trama, lunghe descrizioni di posti che ormai, a suo stesso dire, scarta e passa avanti. Cerco quindi di usare una scrittura che spero risulti “efficace” e di “impatto”.  

Associa 3 gusti al tuo libro, quali sarebbero e perché?

Credo sarebbero dolce, pepato e amaro in base alle scene e fasi della storia.

Consiglia il tuo libro ai lettori, perché dovrebbero leggerlo?

Per tornare a sognare come quando erano bambini!