Recensione “NAPHIL” di M J Red

Recensione “NAPHIL” di M J Red disponibile su AMAZON

 

Recensione "NAPHIL" di M.J. Red

TRAMA

I Naphil sono tre, nascono nello stesso giorno e hanno il controllo del loro continente d’origine.
Ma questo Ethan non lo sa, non lo ha mai saputo. Ha solo 17 anni e la sua unica preoccupazione è non addormentarsi durante le noiose lezioni al college. Eppure fin da piccolo ha nascosto con paura ciò di cui è stato capace, anche se solo per una volta. Ben presto sarà impossibile continuare a fuggire da ciò che il Destino ha deciso per lui. Ben presto sarà in gioco la sua vita e quella di tutte le persone che ama. Non vorrebbe, ma è la responsabilità di un Naphil, una sua responsabilità. E non potrà più tirarsi indietro.

RECENSIONE

Il romanzo è narrato in prima persona dal protagonista, che racconta di sé e della scoperta delle sue capacità.

Fin da subito capiamo che per Ethan fare i conti con la sua nuova natura non sarà facile, lui è diverso dagli altri e le sue capacità crescono di giorno in giorno, è necessario fronteggiale e lui non è minimamente pronto, in più la sua vita e quella dei suoi cari è in pericolo.

Chi lo sta cercando? E perché?

Il romanzo alterna momenti di crescente suspance e di colpi di scena a momenti di frizzante ironia che stemperano la tensione del lettore, come i classici problemi adolescenziali di Ethan o i suoi dialoghi con gli spiriti che vivono dentro di lui.

Da metà romanzo fino alla fine il ritmo del libro si fa ancora più incalzante e la voglia di arrivare alla fine cresce prepotentemente per scoprire di più sulle sorti dei protagonisti.

Cosa sarà accaduto loro? Chi sono veramente? Non resta che leggere per scoprirlo.

Lettura fresca e leggera, dona un po’ di sana spensieratezza ed evasione.

 Morgane Le Feye