Recensione del libro “Trentuno” di Sara Arpaia

Recensione del libro “Trentuno” di Sara Arpaia disponibile anche su Amazon.

TRAMA

Può un’assenza essere una costante presenza? Questo è l’interrogativo sul quale lavora prepotentemente Isabel.
Trasferitasi a Roma da Napoli, intreccia le vicissitudini della sua vita privata con la carriera da psicoterapeuta: Daniele e il suo ritorno, la storia di Nina e le fragilità a cui è costantemente esposta.
Attraverso la focalizzazione interna la protagonista apre le porte del suo io al lettore, rendendolo pienamente partecipe delle sue emozioni più intime.

 

RECENSIONE

“Trentuno: …Ma io ti aspetterò fosse anche per cent’anni ti aspetterò…” di Sara Arpaia è un inno ai sentimenti più profondi dell’essere umano.
La protagonista, Isabel, ci porta nella sua vita e ci fa toccare con mano le sue emozioni più intime dall’inizio alla fine della storia.
L’autrice con il suo scritto è riuscita a realizzare una storia in cui chiunque potrebbe riflettersi. 
La penna è da considerarsi delicata, semplice, leggera seppur di leggero non vi è nulla ma, anzi, vi sono argomenti molto forti al suo interno, argomenti che mettono in luce quanto il dolore e la mancanza possa celarsi nel profondo dell’anima e quanto alcune emozioni siano impossibili da cancellare o dimenticare. Bisogna semplicemente imparare a conviverci e ad accettarlo.
Un altro punto che rafforza la storia è il fatto che il libro sia scritto come se fosse un’autobiografia della protagonista, un vero e proprio diario personale in cui racconta il suo vissuto.

L’autrice poi tocca anche un altro aspetto importante e delicato: l’autismo, e lo fa con estrema attenzione e accuratezza.

Insomma non è un semplice libro ma un vero e proprio insegnamento di vita da leggere e rileggere per rendersi conto di quanto sia difficile il percorso emotivo di ogni singola persona e di quanta forza ci vuole per andare avanti nonostante tutto.

Consigliato.

Arianna

Ti potrebbe interessare anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.