Crea sito

Recensione del libro “Piranesi”

Recensione del libro “Piranesi” scritta da Debora Soncini.
LINK ACQUISTO AMAZON

Pochi giorni fa ho letto il libro “Piranesi” di Susanna Clarke edito da Fazi Editori e uscito nelle librerie lo scorso 4 febbraio.

Recensione del libro "Piranesi"

TRAMA:
Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo.
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi.
Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia.
Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti.
Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancoratroppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso…

ESTRATTO:

“Quando la Luna è sorta nel Terzo Salone Settentrionale sono andato nel Nono Vestibolo per assistere alla congiunzione di tre Maree. È un evento che accade soltanto una volta ogni otto anni.
Il Nono Vestibolo è un luogo straordinario per le tre grandi Scalinate che contiene lungo le sue Pareti file di Statue di marmo, centinaia di Statue che si innalzano, un Livello dopo l’altro, fino a raggiungere vette lontanissime.
Per prima è arrivata la Marea dai Saloni dell’Estremo Oriente. Questa Marea ha risalito la Scalinata Più a Est senza violenza. Ha disteso uno specchio grigio sul Pavimento, la cui superficie è stata marmorizzata da striature di Schiuma lattiginosa.
Dopo è arrivata la Marea dei Saloni Occidentali. Questa Marea si è scagliata con veemenza sulla Scalinata Più a Ovest e ha colpito la Parete Orientale con un Tuono poderoso che ha fatto tremare tutte le Statue. La sua Schiuma aveva il colore bianco delle vecchie lische di pesce e i suoi gorghi profondi erano color peltro. In pochi secondi, le sue Acque sono arrivate all’altezza della Vita delle Statue del Primo Livello.
Per ultima è arrivata la Marea dai Saloni Settentrionali. Si è scaraventata su per la Scalinata centrale, riempiendo il Vestibolo con un’esplosione di luccicante Schiuma bianco ghiaccio. Ne sono stato inzuppato e accecato. Quando sono riuscito a vedere di nuovo, le Acque scorrevano come cascate lungo le Statue. È stato allora che mi sono reso conto di aver commesso un errore nel calcolare il volume della Seconda e della Terza Marea. Una gigantesca Torre d’Acqua si è riversata sulla scalinata fino al punto in cui ero accovacciato. Un’enorme Mano d’Acqua si è protesa per strapparmi via dalla Parete. Ho gettato le braccia intorno alla statua della Donna che sorregge un Alveare e ho pregato la Casa di proteggermi. Le Acque mi hanno ricoperto e, per un istante, sono stato circondato dallo strano silenzio che arriva quando il Mare ti sommerge e soffoca i suoi stessi suoni. Ho pensato che stavo per morire; oppure che sarei stato trascinato via nei Saloni Sconosciuti, lontano dal fragore e dal ronzio delle Maree Note.
Poi, bruscamente com’era iniziato, tutto è finito. Le Acque nel Nono Vestibolo si sono ritirate rapidamente finché non hanno ricoperto appena i Plinti delle Statue del Primo Livello.
Mi sono accorto che ero aggrappato a qualcosa. Ho aperto la mano e ho scoperto un Dito di marmo proveniente da una qualche Statua Lontana che le Maree avevano messo lì.
La Bellezza della Casa è incommensurabile; la sua Gentilezza, infinita.”

RECENSIONE:
Una lettura unica: l’inizio è semplice e focalizzato su descrizioni della Casa e della vita di Piranesi poi pian piano si intravede tra le righe un mistero, si insinua nella mente del lettore un dubbio sulla Casa e si scoprono man mano nuove verità nascoste..
Mi è piaciuto molto lo stile di scrittura sottoforma di diario personale di Piranesi che ci fa entrare pienamente in contatto con lui, con i suoi pensieri e stati d’animo.
Piranesi è un personaggio che fa venir voglia di abbracciare: è puro ed innocente, ama profondamente la Casa, la pace e la solitudine che essa rappresenta e anche nel tradimento perdona e sorvola su tutto ciò che gli è stato fatto.
Lo consiglio a chi ama il genere fantasy, thriller e mistery.

Voto 8/10

Debbie

Eccoci qui e visto che questa rubrica é nuova mi presento mi chiamo Debora e sono follemente innamorata dei libri e della lettura.. Fin da bambina i libri sono la mia più grande passione e mi piace variare e leggere differenti generi tra cui fantasy, romanzi rosa, gialli e libri storici. In questa rubrica vi parlerò dei libri che sto leggendo e vi fornirò le recensioni di nuove uscite di molte case editrici che spesso ho l'onore di leggere subito o in contemporanea alla loro uscita nelle librerie grazie a delle collaborazioni che ho tramite instagram (se volete seguirmi mi chiamo @debbie_soncini ). Che altro mi rimane da dire? Buona lettura!!!

Ti potrebbe interessare anche...