Crea sito

NATALE: COME NON INGRASSARE

Natale… Capire come sopravvivere al Natale senza ingrassare, quest’anno, sembra davvero difficile.

Ci muoviamo meno, è un dato di fatto. Non solo perché non possiamo più allenarci in palestra, ma anche perché non si può uscire la sera, non si può fare un giro nei centri commerciali, la spesa si fa di fretta e le passeggiate (con questo freddo, oltretutto) diventano sempre meno frequenti o più brevi. Non si tratta quindi soltanto del tempo che dedichiamo all’allenamento, che, magari, riusciamo a mantenere anche in casa (anche se non è detto che abbia la stessa intensità e lo stesso volume), perché a fare la vera differenza sono proprio questi piccoli gesti, queste abitudini, che il covid-19 ci ha portato via lentamente. Come vi dico sempre, infatti, non conta tanto l’allenamento, quanto invece le nostre attività quotidiane.

Quindi, come evitare che questa sedentarietà crescente, unita all’arrivo delle festività, ci faccia prendere quei chiletti in più?

Vediamolo insieme.

IMPOSTA DELLE SVEGLIE

Se passiamo molto tempo seduti, per lavoro, o per studio o per qualsiasi altro motivo, impostiamo delle sveglie. Ogni ora ci ricorderemo così di alzarci e stare almeno un minuto in piedi o camminando. Questo piccolo gesto sembra insignificante e inutile, ma a fine giornata farà la differenza. Non sempre gli effetti che non si vedono non servono a nulla.

BEVI ALMENO 2L DI ACQUA AL GIORNO

Bere abbastanza ci aiuterà anche con il compito precedente, perché almeno una volta ogni ora o ogni ora e mezza dovremo alzarci per andare in bagno. Quindi avremo due vantaggi con una sola azione. A parte gli scherzi (anche se quanto ho detto è assolutamente vero) bere ci aiuta a mantenere efficiente il nostro corpo, aiuta il ricambio cellulare, la concentrazione e il sistema cardiocircolatorio. No, bere non aiuta a sentirsi più sazi, se si beve a stomaco vuoto.

DORMI ALMENO 8 ORE OGNI NOTTE ANCHE A NATALE

Ho già spiegato tutti i benefici del sonno QUI. In questo momento, dormire è essenziale. Un buon riposo ci permette di mantenere in salute il nostro organismo e di regolare gli ormoni dell’appetito e della sazietà, come la grelina, che stimola l’appetito e la leptina che invece ci fa sentire sazi. Non dormire a sufficienza ci porta a produrre più grelina e meno leptina, di conseguenza, questo ci porterà a mangiare di più o a mangiare peggio. Inoltre, un sonno insufficiente, ci rende frustrati e stressati, perché il cervello e il sistema nervoso hanno bisogno di riposare e rigenerarsi, di collocare e interiorizzare tutte le informazioni dalle quale veniamo bombardati ogni giorno. Non dormire a sufficienza non fa ingrassare, ma porta a una serie di conseguenze che, nel complesso, possono farci assumere atteggiamenti alimentari sbagliati e questi sì che possono portarci a prendere peso.

FAI DUE, TRE, QUATTRO, CINQUE PASTI AL GIORNO ANCHE A NATALE

Al contrario di quello che si può pensare, il numero di volte che mangiamo al giorno non è rilevante. Quindi, aguzza l’udito, quello interiore, e ascoltati. Mangia quando hai fame, soprattutto adesso, prima delle feste, e ancora di più DURANTE le festività. Ascolta il tuo corpo e, se non hai fame, rimanda. Non mangiare.  Se hai mangiato molto a cena e a colazione non hai fame, non è un problema saltarla. Se mangiare ti causa più disagio del non mangiare, non farlo. Non sarà saltando la colazione che rovinerai tutto. Cerca invece di mangiare in maniera equilibrata per il resto della giornata e il giorno dopo riprendi con le tue abitudini. Lo stesso per la cena. Se il pranzo è stato troppo abbondante e a cena non hai fame, bevi una tisana, del tè o della semplice acqua e vai a dormire con serenità.(Attenzione! Non fare colazione o cena non deve diventare un’abitudine per dimagrire!).

MANGIA IN MANIERA EQUILIBRATA ANCHE A NATALE

Mangiare in maniera equilibrata significa introdurre la giusta quantità di carboidrati, proteine e grassi. Farlo in queste settimane prima del Natale è importante e ancora di più lo sarà durante le settimane natalizie. Nonostante sia importante, però, si sa, sotto le feste di Natale è quasi impossibile farlo. L’alimentazione si sbilancia quasi totalmente verso il consumo di carboidrati e grassi. Quindi? Come fare? Cercare di assumere ogni volta possibile delle fonti proteiche. Non dimentichiamoci delle proteine e della loro importanza per il nostro organismo (no, non servono solo a costruire muscoli, ma hanno un ruolo importante nella salute di pelle, capelli, unghie e tutti i tessuti in generale).

EVITIAMO LA PASTA O IL RISO IN BIANCO A NATALE

Ebbene sì. Molto spesso, dopo il pranzo di Natale o il cenone di capodanno, cosa si fa? Almeno da me, c’è l’usanza, il giorno dopo, di mangiare in bianco. Usanza, a conti fatti, totalmente inutile. Come già detto, la nostra alimentazione, nel periodo natalizio, è totalmente sbilanciata verso grassi e carboidrati, andare quindi ad alleggerirci, assumendo altri grassi e carboidrati, non ci porterà lontano. Preferiamo invece delle fonti proteiche, quali possono essere delle carni bianche, delle uova, del pesce ancora meglio o, in mancanza d’altro, anche una bella minestra di legumi. Questo ci permetterà di reintegrare le proteine che, nei giorni passati, sono sicuramente state carenti.

EVITIAMO GLI SPUNTINI CON LA FRUTTA

Non ho fame, quindi non ceno o non faccio colazione, ma mangio un frutto. Nì. Al frutto, preferiamo uno yogurt (ovviamente non alla frutta), questo perché la frutta, si sa, è ricca di zuccheri e nei giorni delle festività questi di certo non mancano. Per gli spunti preferiamo altro, magari delle verdure crude, come carote, sedano, finocchio, lattuga o, appunto, uno yogurt, meglio se bianco. Se possiamo aiutare il nostro corpo a non andare in overdose di zuccheri, perché non farlo? Anche se questo eccesso è acuto, quindi non si protrae nel tempo, ma resta all’interno di questi giorni, se può essere evitato, perché sottoporre il corpo a ulteriore stress?

CONCLUSIONI

Le azioni da fare sono semplici e anche numericamente poche, ma vanno fatte ed è qui che sta la difficoltà. Proprio quando ci troviamo di fronte a qualcosa di semplice, ci abbandoniamo, mollando la spugna, credendo che, se è semplice, allora non serve. Non è così!  Assolutamente!

Queste azioni sono fondamentali e si rivelano essenziali soprattutto se non vogliamo privarci di nulla, nelle prossime settimane. Questi consigli sono validi per chi, durante le feste natalizie, si concede panettoni pandoro, per chi non rinuncia alla pasta al forno o ai cappelletti in brodo. Per chi non ha voglia di dire di no al tronchetto di natale e per chi adora i biscotti allo zenzero o alla cannella. nella cioccolata calda. Ovviamente, chi passa il Natale mangiando normalmente, come nel resto dell’anno, non ha bisogno di questi consigli.

Importante, non l’ho inserito tra i consigli, è continuare ad allenarsi (l’ho dato per scontato). Allenarsi è importante anche durante le feste, magari non il giorno di Natale, il giorno della Vigilia o il 31 Dicembre e il primo Gennaio ma, esclusi questi quattro giorni, gli altri sono tutti adatti all’allenamento al quale siamo abituati. Possiamo renderlo più breve, possiamo renderlo più leggero, ma perché eliminarlo? Personalmente, adorando ciò che faccio, troverei una privazione non potermi allenare!

Detto questo, non posso che sperare che queste feste, nonostante le difficoltà di questo anno, ci portino un po’ di serenità e ci facciano dimenticare, almeno in parte, di tutti i problemi ancora da risolvere.

SE SIETE AMANTI DEL BURRO DI ARACHIDI, CLICCATE QUI
SE VOLEVE CONOSCERE GLI ERRORI DA NON FARE PER ESSERE IN FORMA, CLICCATE QUI
SE VOLETE CONOSCERE TUTTI I SEGRETI PER UNA PANCIA PIATTA, CLICCATE QUI
SE PENSATE CHE SI PUO’ DIMAGRIRE CORRENDO, CLICCATE QUI

Paola

Paola Bonfigli nasce nel 1997 nelle marche. Dopo due diplomi di scuola superiore e una laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, capisce che, in realtà, la cosa più importante è la salute e uno stile di vita sano. Così nel 2019 si iscrive a Scienze Motorie indirizzo Biosanitario, consegue un attestato di Personal Food Coach di I livello e inzia un percorso per diventare istruttrice di Powerlifting di I livello che si concluderà a gennaio 2021. I progetti per il 2021 sono la laurea, il diploma di istruttrice di Powerlifting di II livello e quello di Personal Food Coach di II livello, insieme all'iscrizione a un corso di laurea magistrale nel campo della Nutrizione o del Fitness. Ormai da anni la palestra è la sua casa e l'alimentazione sana e sostenibile è la sua passione più grandeTra i suoi hobby c'è anche la scrittura e qualsiasi cosa abbia a che fare con la creatività, anche se... "Non c'è cosa più bella del prendersi cura di sé, con la consapevolezza di farlo e la certezza che amarsi non potrà mai essere sbagliato".  

Ti potrebbe interessare anche...