MITI DA SFATARE e pensieri che hai avuto almeno una volta

Ciao amici della salute!

Oggi voglio parlarvi di miti da sfatare e di quei pensieri che sicuramente hai avuto almeno una volta.

In questo articolo farò un elenco di convinzioni, presenti soprattutto nel mondo del fitness che, purtroppo, ancora oggi vengono scambiati per realtà.

Ovviamente non sono solo questi i miti ma di certo sono i più comuni e sono certa che li abbiate sentiti anche voi.

 
  1. SE VUOI DIMAGRIRE, NON DEVI MANGIARE

Questo credo sia uno dei miti da sfatare più deleterio per la nostra salute e proprio per questo l’ho inserito per primo.

Pensare che per dimagrire, per poter finalmente essere in forma e sentirsi bene con se stessi, bisogna privarsi di tutto e fare la fame è la cosa più sbagliata che ci sia.

Perché? Perché se parto da questo presupposto, la mia voglia di iniziare qualsiasi percorso in grado di portarmi a ottenere un aspetto fisico piacevole e un equilibrio interiore salutare, di certo non salirà alle stelle, anzi, con la prospettiva di dover rinunciare a tutto, in molti si trovano ad accantonare l’idea di stare finalmente meglio. In fondo è di questo che si tratta, di stare meglio.

Non si cerca di dimagrire o di migliorare il proprio aspetto fisico per stare peggio mentalmente, bisogna farlo per trovare il proprio equilibrio, equilibrio che, se si è sovrappeso, è comunque alterato, perché, ricordiamolo, l’obesità è una delle prime dieci cause al mondo di malattia ed essa stessa è una patologia che andrebbe trattata.

Quindi NO, ASSOLUTAMENTE NO!  Per dimagrire non bisogna smettere di mangiare, bisogna mangiare meglio, magari meno, ma non bisogna smettere di mangiare e non serve scendere sotto le 1200kcal giornaliere. Studi scientifici dimostrano che le diete a 800/1000kcal non sono più efficaci, nel lungo periodo, di quelle ad almeno 1200kcal.

Ed è sempre meglio rivolgersi a uno specialista o, se non se ne hanno le possibilità, informarsi approfonditamente prima di prendere qualsiasi decisione e non affidarsi alle riviste di moda, primo esempio di raccoglitori di miti da sfatare.

  1. SE VUOI DIMAGRIRE, DEVI ELIMINARE I CARBOIDRATI

Quante volte abbiamo sentito questi poveri carboidrati essere accusati di essere la causa dell’obesità?

Ma è davvero così?

Pane, pasta, patate, riso, pizza, biscotti, sono davvero loro la causa del sovrappeso in tutto il mondo occidentale?
Beh, no, la scienza dice il contrario e anche questo è un fa parte dei miti da sfatare. I carboidrati apportano le stesse calorie delle proteine ma, al contrario di queste ultime, spesso assunte in quantità insufficienti, essi vengono assunti in quantità eccessive, ma non sono i carboidrati a portare al sovrappeso, è l’eccesso di quantità. Al contrario delle proteine, poi, i carboidrati, specialmente quelli semplici e poveri di fibre, non donano un senso di sazietà immediato e creano assuefazione, questo ci porta a mangiarne troppi.

  1. SE VUOI DIMAGRIRE, DEVI ELIMINARE I GRASSI

Sembra logico, no?

Se voglio bruciare il grasso basta non assumerne più con l’alimentazione.

Magari fosse così semplice… ma così non è.

Quindi inseriamo anche questo nella lista dei miti da sfatare.

Non sono i grassi la causa del sovrappeso, il corpo non ragiona come ragioniamo a noi. I grassi sono essenziali per le funzioni vitali e per l’equilibrio ormonale dell’organismo, una carenza di grassi nella dieta per lungo tempo può portare a conseguenze anche gravi, soprattutto nelle donne.

Dal mangiare il giusto quantitativo di grassi a mangiarne troppi, però, si fa presto, basta pensare che la differenza tra un cucchiaino di olio e un cucchiaio è di almeno 100kcal che, sommate ogni giorno, ci portano ad assumere in un mese più di 3000kcal in eccesso.

Le quantità fanno la differenza, non i singoli nutrienti che sono indispensabili per la salute del nostro corpo.

Meglio preferire grassi vegetali, ricchi di antiossidanti, come l’acido oleico, e vitamine, un esempio è famoso olio di oliva.

  1. SE VUOI DIMAGRIRE DEVI FARE TANTO CARDIO

Anche questa è uno dei miti più comuni e va contestualizzato.

Certo, il cardio permette di bruciare calorie, di accelerare il metabolismo e di mantenere in salute le funzioni del corpo, ma un’ora di attività aerobica come una corsa a 10km/h, permette di bruciare, in una donna, circa 0,9kcal per peso corporeo ogni km percorso, quindi, una donna che pesa 55kg, in un’ora di corsa, brucerà 495kcal, mentre un uomo brucia 1kcal ogni kg di peso corporeo per ogni km percorso, quindi un uomo che pesa 80kg ne brucerà 800.

Pochissime, se pensiamo che una pizza apporta 800/1000 kcal, perché pensare di correre per un’ora a 10km/h è impossibile per un soggetto non allenato.

Quindi il cardio aiuta a dimagrire, è vero, ma qualsiasi movimento svolto durante la giornata aiuta a dimagrire.

A fare la differenza vera è l’alimentazione che deve essere bilanciata, sana e calibrata sulle proprie esigenze.

  1. SE TI ALLENI CON I PESI TI FAI MALE ALLA SCHIENA O ALLE GINOCCHIA

Quando parlo con amore dell’allenamento con i pesi, spesso mi viene detto che fa male alle ginocchia o alla schiena. Io, in maniera provocatoria, rispondo che a fare male alla schiena e alle ginocchia è il sovrappeso, quello sì che fa male e ci sono studi medici scientifici che lo dimostrano, quindi anche questo fa parte dei miti da sfatare.

L’esercizio fisico ben fatto, con una tecnica buona, da acquisire bene in ogni contesto, non può che far bene, anzi, l’allenamento con i pesi, andando a rafforzare anche tendini e articolazioni, conferisce maggiore resistenza alle ginocchia e alla schiena.

Ovviamente, chi ha patologie, dovrebbe sempre consultare uno specialista prima di scegliere un qualsiasi allenamento, perché anche sport come la corsa o il nuoto possono avere le loro controindicazione in individui affetti da patologie.

  1. SE TI ALLENI CON I PESI E SEI UNA DONNA DIVENTI UN UOMO

E anche questa è una delle cose che sento dire più spesso e uno dei miti da sfatare a cui tengo di più.

Le donne che si allenano con i pesi diventano uomini super muscolosi.

Prima di tutto vorrei dire che neanche gli uomini a volte riescono a diventare molto muscolosi, questo a dimostrare che la paura delle donne è particolarmente infondata.

Il sollevamento pesi dona forme, volumi e tonicità, rendendo la figura più femminile e gradevole. Le donne molto muscolose che si possono vedere in alcune competizioni, per arrivare in quello stato fisico, si allenano per anni e anni, assumono quantità di calorie impressionanti, svolgono volumi di esercizio specifici e spesso non assumono solo calorie…

In ogni caso, prima di diventare in quel modo ce ne vuole e di certo non accade dopo anni di allenamento con i pesi e un’alimentazione controllata e salutare, perché il corpo di una donna è diverso da quello di uomo, a determinare la crescita dei muscoli sono gli ormoni, in particolare il testosterone presente nell’uomo in concentrazioni 50 volte superiori a quelle nella donna, quindi, il rischio di diventare uomo è davvero molto lontano, per chi si allena con lo scopo di stare bene con il proprio corpo e in salute.

  1. LE PROTEINE IN POLVERE FANNO MALE

L’ennesimo mito da sfatare nel mondo del fitness.

Le proteine in polvere sono dopanti, sono nocive per la salute, sono cattive, se ne dicono di tutti i colori su queste povere proteine.

Le proteine in polvere non sono altro che un integratore al pari della vitamina A e del magnesio.

Quando si è di fronte a una carenza di questo macronutriente, si ha bisogno di integrare.

Quando si è di fronte a una carenza?

Quando non si riesce ad assumerne abbastanza con l’alimentazione e questo può accadere se seguiamo diete povere di alimenti di derivazione animale o se pratichiamo un’intensa attività fisica.

Il fabbisogno proteico di un adulto infatti corrisponde a circa 1g di proteine per kg di peso corporeo.

Una donna di 55kg dovrebbe assumere 55g di proteine e un uomo di 80kg dovrebbe assumere 80g di proteine al giorno, nel caso in cui non si pratica attività fisica.

Se si pratica attività fisica il fabbisogno può addirittura raddoppiare.

Va chiarito che 55g di proteine non corrispondo a 55g di carne, ma alle proteine presenti nella carne.

La miglior fonte di proteine è la carne di pollo, circa 25g di proteine ogni 100g di prodotto. Quindi per assumere almeno 55g di proteine bisognerebbe mangiare almeno 220g di pollo.

  1. BISOGNA PESARSI TUTTI I GIORNI PER CONTROLLARE I PROGRESSI

Anche questo si sente dire spesso e direi che rientra a tutti gli effetti nei miti da sfatare.

Il rapporto con la bilancia come deve essere?

Deve essere il più sereno possibile. Il corpo è soggetto a fluttuazioni naturali di peso durante la giornata.

Si consiglia per questo di pesarsi sempre alla stessa ora, possibilmente appena svegli.

Questo perché? Perché appena svegli il corpo è riposato, si è passato un arco di tempo abbastanza lungo senza bere e il nostro organismo ha quindi una ritenzione minima.

Prima di andare a dormire si è assunto cibo durante la giornata, si sono assunti liquidi, il corpo ha lavorato ed è stressato, è normale che il peso, la sera, sia maggiore di quello al mattino.

Ed è normale anche che tra un giorno all’altro ci siano fino a due o tre kg di differenza, dipende da cosa abbiamo mangiato, da cosa abbiamo fatto e da quanto abbiamo bevuto.

Per questo si consiglia di pesarsi solo una volta a settimana, per non essere influenzati negativamente dalle fluttuazioni giornaliere se non si è preparati psicologicamente ad accettarsi per quello che si è.

Siamo umani e non macchine è normale assistere a cambiamenti fisiologici.

CONCLUSIONI

Dopo questo elenco di miti da sfatare e cose da non fare, piuttosto che da fare,  credo che l’unica conclusione possibile sia ricordare, ancora una volta, quanto l’informazione sia importante nella nostra vita, in ogni suo aspetto.

Consiglio a tutti di rivolgersi a uno specialista prima di intraprendere qualsiasi percorso per migliorare la propria salute.

So che molti non riescono a farlo per problemi economici o di altro tipo, in ogni caso, lo chiedo quasi come fosse un favore, non affidiamoci alle riviste di moda, ai giornali che propongono diete standardizzate senza conoscere i nostri reali bisogni.

Informiamoci sempre su ciò che ci circonda e su ciò che l’anatomia, la biologia  e la scienza dell’alimentazione ci insegnano. Oggi l’informazione è presente ovunque, l’ignoranza non può più essere una scusa né una giustificazione. L’ignoranza non è più permessa e si continua a pagare con la propria salute, che sia mentale o fisica. Perché conoscere, sapere, ci permette di capire, capire chi siamo, dove siamo, cosa possiamo fare per stare meglio e quando farlo.

L’informazione è la nostra arma più forte, non lasciamola nelle mani degli altri.

SE SIETE CURIOSI DI CONOSCERE LE BASI DELL’ALIMENTAZIONE SANA CLICCA QUI
SE INVECE VOLETE UN PICCOLO APPROFONDIMENTO SULLA DIETA MEDITERRANEA LO TROVI QUI
SE CERCATE QUALCHE DRITTA UTILE PER FARE LA SPESA NEL MODO MIGLIORE CLICCA QUI
SE VUOI SCOPRIRE TUTTI I SEGRETI SULLA PASTA E PICCOLI ACCORGIMENTI PER MANGIARLA SENZA INGRASSARE, CLICCA QUI