Letteratura ieri e oggi: Orgoglio e pregiudizio

Letteratura ieri e oggi: Orgoglio e pregiudizio è il primo articolo della rubrica letteraria di onlybookslover.it guidata da Alessia Perugino.

 

Letteratura ieri e oggi: Orgoglio e pregiudizio

Quante volte abbiamo sentito o detto:” I classici sono passati, leggere i classici è per anziani” e cose simili?

Se facessimo un sondaggio, scopriremmo che i giovani che leggono classici, sono molto pochi.

Questo, perché si pensa siano una lettura troppo impegnativa e che non rispecchia la società odierna: amiamo leggere qualcosa in cui possiamo vedere un po’ di noi stessi, delle nostre emozioni, dei nostri pensieri.

Vi svelo un segreto: i classici sono ancora attuali, perché sono eterni, immutabili e rispecchiano sempre qualcosa di noi e della nostra società!

Attraverso questa rubrica, vi mostreremo che leggere i classici è utile, che possiamo vedervi molti tratti della nostra società e anche dei nostri pensieri e d emozioni.

Quello di cui vi parlerò in questo articolo è, per me, il “Classico dei classici”, quello che ho letto per primo e mi ha fatta innamorare della sua autrice: “Orgoglio e Pregiudizio” della mitica Austen.

In questo romanzo, l’autrice ci mostra la lotta per entrare nella società che, in particolare, le donne di quel tempo dovevano compiere.
Il solo modo, per una donna di umili origini, per entrarvi e acquisire un qualche valore al suo interno, era il matrimonio con qualcuno che fosse di grado sociale maggiore.

Quante volte abbiamo pensato di aver bisogno di un uomo, di un lavoro facoltoso o di una posizione sociale stabile, per essere “qualcuno”?

Come vedete, alcune ideologie non cambiano mai! Basta pensare al titolo del romanzo, “Orgoglio e Pregiudizio”: quante volte, come la protagonista del romanzo, abbiamo permesso al nostro orgoglio di decidere per noi? O ancora, quante volte i nostri pregiudizi verso qualcuno, ci hanno impedito di vederne la reale “essenza”?

Questo, fanno i classici: ci spingono a guardare nel nostro “Io”, ci fanno notare i nostri errori, le nostre mancanze, sono come una sorta di guida per vivere meglio.

Per questo, vi invito a leggerli e, perché no, a cominciare proprio da “Orgoglio e Pregiudizio” che, paradossalmente, seppur ambientato in un altro secolo, vi aprirà la mente e vi farà comprendere cose che, altrimenti, non avrete mai la possibilità di scoprire riguardo a voi stessi.

Per ora, vi saluto e vi do appuntamento alla prossima settimana per parlare, insieme, di un altro “classico più che attuale”!