Intervista a Penelope White

Intervista a Penelope White sulla sua ultima uscita “LATENS SOMNIA” acquistabile a questo link

 

Ciao Penelope eccoti qui con un nuovo libro tra le mani.
Il genere è sempre lo stesso ma stavolta è una raccolta di racconti il tuo “Latens Somnia”, ci parli di come ti è venuta questa idea?

In realtà, a me, i racconti non sono mai piaciuti un granché, sia per la questione della lunghezza, in quanto tendo sempre ad essere particolarmente prolissa, che per la mancanza di una vera e propria storia costruita dietro le quinte. Ma, un giorno, ho sperimentato con il primo racconto presente nella raccolta, Sweetly Worn, e da lì non mi sono più fermata. Ho rivalutato di gran lunga il genere e ho scoperto un amore spassionato per questi piccoli scorci che si aprono su storie che, in realtà, dietro hanno molto di più. E credo che la bravura di uno scrittore stia proprio in questo: trasmettere il tutto con quelle poche pagine presenti in un breve racconto.

Latens Somnia, un titolo che ha un non so che di elegante specialmente scritto in latino. Come ti è venuto questo titolo?

Ho riflettuto sul tema centrale, quello dei sogni latenti ed oscuri di ogni donna, e da lì ho pensato di aggregare delle parole più ‘sofisticate’ ed eleganti; ricollegandomi subito al latino.

Cosa vuoi trasmettere con i tuoi racconti?

La libertà che DEVE avere ogni donna, quantomeno nell’immaginario personale della propria sessualità, senza giudizi morali o sociali di alcun genere.

Parlaci del legame che accomuna tutti i racconti tra loro, spiegaci se sono collegati in qualche modo, se c’è un filo conduttore o meno.

Il filo rosso che lega tutte le 12 storie è composto dai sogni latenti, segreti e nascosti di ogni protagonista. Ovviamente tutti a sfondo erotico e sensuale.

Stai scrivendo anche altro in questo periodo? Magari una storia?

Sì, mi sto cimentando in qualcosa di un po’ più pesante ed elaborato, a base dark… spero tanto di poterne parlare presto.

Se dovessi parlare ai lettori che vedono per la prima volta un tuo libro, in questo caso Latens Somnia, cosa diresti per far si che ti leggano?

Una lettura libera e spensierata, dove la donna non è ‘costretta’ in gabbie morali e sociali stereotipate. Qui ogni protagonista realizza finalmente il suo sogno latente.

Grazie Penelope per questa nuova avventura!

 

1 thought on “Intervista a Penelope White”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.