Crea sito

Michela Ray|Intervista

Abbiamo avuto il piacere di intervistare Michela Ray.
In questi giorni è uscita anche la recensione della sua trilogia: Anime incatenate.

 

Michela Ray
  • Da dove nascono i personaggi di Liz e Jason e la loro storia? Cosa ti ha ispirata?

    Non ho una fonte di ispirazione, sia i personaggi di Jason e Liz che la loro storia sono frutto dalla mia fantasia.

  • Ho trovato la coscienza di Liz molto divertente e ironica. Come ti è venuta l’idea di inserire nel racconto questa vocina che cerca di mettere da parte, alle volte, il lato razionale della protagonista? 

    Beh, quando scrissi il romanzo mi calai nei panni di Liz e un po’ come tutti noi anche lei riflette sulle cose. Diciamo che ho voluto provare a dare un po’ di vivacità alla parte razionale di questa persona immaginaria. Un po’ come se avesse l’angioletto su una spalla che rappresenta la parte saggia e il diavoletto sull’altra che invece è la parte tentatrice che la spinge a lasciarsi andare.

  • Nel primo libro il pensiero di Jason resta un mistero per i lettori. Come mai dal secondo libro hai deciso di aggiungere il suo punto di vista?

    Perché ho voluto provare a scrivere la storia da due punti di vista immedesimandomi anche in Jason (per quel che possibile visto che è un uomo)e dare libero sfogo anche ai suoi di pensieri. Ho desiderato che il lettore potesse conoscerlo meglio leggendo anche il suo modo di vedere le cose.

  • Liz perdona più volte Jason per i suoi segreti. Estraniandoti da “madre” di questi due protagonisti, avresti fatto lo stesso? Quanto influisce per te l’amore sulle scelte razionali?

    Onestamente? Mi sarei comportata proprio come lei, anche io avrei dato una seconda chance a Jason (non lo dico da autrice) perché di indole sono una che tende a chiarire le cose prima di prendere una decisione. L’amore che si può provare per l’altra persona può influire molto su una scelta razionale, penso che sia giusto parlare e chiarirsi prima di decidere.

     

  • Nella trilogia ci dai un accenno sulla storia d’amore tra Maya e Josh, scriverai di loro?

    Il romanzo riguardante la storia di Josh e Maya è stato pubblicato a dicembre, al momento è stato rimosso dalle vendite perché una casa editrice lo ha preso.

  • Quali sono e quali erano i tuoi sogni nel cassetto riguardo il mondo dell’editoria? È come te lo eri immaginata?

    Gran parte dei “sogni” li ho realizzati inaspettatamente, non avrei mai creduto che Jason e Liz e anche Josh e Maya potessero essere amati e che le loro storie sarebbero piaciute. Quindi diciamo che grazie alle persone che li hanno apprezzati e hanno concesso loro un’opportunità un mio sogno è stato avverato. Non me lo sono mai immaginata il mondo dell’editoria perché non avrei mai detto che sarei diventata un’autrice.

  • Come hai iniziato a scrivere e quali difficoltà hai incontrato? Se dovessi dare dei consigli alle ragazze o ragazzi che volessero iniziare ad entrare in questo mondo cosa gli diresti?

     

    Ho iniziato a scrivere quattro anni fa durante un periodo particolare di cui preferisco non parlare, è successo per gioco e solo in seguito è diventata una cosa seria.

    Ad un esordiente sicuramente darei come consiglio di essere se stessa e di scrivere ciò che è incline con la sua personalità. Non si scrive per far felici gli altri, lo sai fa per se stessi, perché la storia che decidiamo di portare su carta deve prima di tutto piacere all’autore e poi agli altri.

 

it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian