Classici: Cime tempestose

Classici: Cime tempestose di Emily Bronte è il libro che Benedetta Leoni consiglia per la sua rubrica Classici e Fantasy.

 

Classici: Cime tempestose

Titolo: Cime Tempestose
Autrice: Emily Bronte
Prezzo: cartaceo  8,07   e-book 0,49
Link d’acquisto

 

TRAMA

“Un romanzo in cui domina la violenza sugli uomini, sugli animali, sulle cose, scandito da scatti di crudeltà sia fisica sia, soprattutto, morale. Un romanzo brutale e rozzo – sono gli aggettivi utilizzati dalla critica dell’epoca – che scuoteva gli animi per la sua potenza e la sua tetraggine e che narra il consumarsi di un’inesorabile (sino a un certo punto) vendetta portata avanti con fredda meticolosità dal disumano Heathcliff. ‘Cime tempestose’ è un romanzo selvaggio, originale, possente, si leggeva in una recensione della ‘North American Review’, apparsa nel dicembre del 1848, e se la riuscita di un romanzo dovesse essere misurata unicamente sulla sua capacità evocativa, allora “Wuthering Heights” può essere considerata una delle migliori opere mai scritte in inglese. Tomasi di Lampedusa esprimeva il suo entusiastico e ammirato giudizio su Cime tempestose: ‘Un romanzo come non ne sono mai stati scritti prima, come non saranno mai più scritti dopo. Lo si è voluto paragonare a Re Lear. Ma, veramente, non a Shakespeare fa pensare Emily, ma a Freud; un Freud che alla propria spregiudicatezza e al proprio tragico disinganno unisse le più alte, le più pure doti artistiche. Si tratta di una fosca vicenda di odi, di sadismo e di represse passioni, narrate con uno stile teso e corrusco spirante, fra i tragici fatti, una selvaggia purezza.” (Dall’introduzione di Frédéric Ieva)

 

Quante volte ci siamo dette e ridette che Catherine è una stupida, che si fa sottomettere troppo ed è pure stronza? Quante volte abbiamo sognato di prendere a schiaffi poi riempire di baci Heatcliff? Una storia cruda, netta, brutale, che vi farà torcere le budella, con tutta probabilità, ma che fa anche riflettere sui ruoli della donna e dell’uomo, ai tempi in cui è ambientato il romanzo stesso.