Crea sito

“Bugie a Santorini” di M. Piazza e P. Boiocchi

“Bugie a Santorini”, il romanzo di Michela Piazza e Pamela Boiocchi per la casa editrice DRIedizioni.

 

Titolo: Bugie a Santorini
Autore: M. Piazza e P. Boiocchi
Editore: DRIedizioni
Prezzo Kindle: 2,99€

TRAMA

Santorini. Grecia.

Metti una scrittrice che ha perso l’ispirazione e un affascinante, impudente sconosciuto.
Falli scontrare, attrarre, bisticciare. E poi baciare.
Immagina che lui sia l’unico in grado di sbloccare la crisi da pagina bianca della nostra autrice e che lei decida di sfruttare i suoi consigli e le sue carezze per riuscire a terminare il libro.
Aggiungi le isole greche, un mare cristallino, due amiche pazze e una coscienza che parla con la voce di una piratessa del Settecento.
Ah, e non scordare la passione, perché in questa faccenda c’è una dose abbondante di peperoncino.
Cosa può andare storto? Che anche il ragazzo misterioso nasconda dei segreti…
Pronti a fare il doppio gioco?
Qui ognuno mette in palio il proprio cuore, ma la verità non è mai quella che sembra.

Dopo i numerosi successi ottenuti coi loro romance storici e contemporanei, il duo Piazza-Boiocchi, oramai per noi e per tutti “Le Peperoncine”, accetta la nostra sfida nel cimentarsi in una commedia divertente, fresca ed ironica. Estiva.
Sempre a quattro mani (o meglio sei… e se leggete capirete!), e sempre con garbo, bravura e un pizzico ovviamente di peperoncino.
Quindi se avete già voglia di vacanza ma non volete aspettare agosto, seguiteci nel bel mezzo dell’Egeo per passare assieme a noi qualche giorno divertente ed appassionante nella magnifica isola greca.


***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *****

RECENSIONE

Un romanzo che non vuoi lasciare più.

“Tanta bellezza davanti, e lei era nella merda. Non si era mai sentita così inutile come in quel momento. Neppure la meravigliosa cornice dell’isola di Santorini, nell’arcipelago delle Cicladi, era riuscita a sbloccarla.”

Il romanzo parte offrendoci una splendida cornice paesaggistica, infatti la ridente isola di Santorini fa da palcoscenico a questa commedia romantica e piena di energia. Questa storia mi ha dato l’occasione di “visitare” questa località a me ancora sconosciuta facendomi anche venire voglia di andarci di persona.

Come autrice, per me è stato ancora più divertente ed interessante leggere queste pagine piene di brio e simpatia. Mi ha fatto piacere potermi immedesimare nelle parole, nei pensieri e anche nelle paure di Menta, all’anagrafe Clementina Ottavia Cavalieri, una acclamata scrittrice alle prese con il suo ultimo romanzo.

Troppe volte anche il suo essere scrittrice non veniva considerato una professione reale.

In quante occasioni si era sentita dire: “Sì, ma di lavoro vero cosa fai?”. Oppure: “Che bello, piacerebbe anche a me avere un hobby come il tuo!”.

Con lei ho sognato, vedendomi anch’io nella bella villa con vista sul mare con scadenze impellenti verso il proprio editore a fermare un po’ la magia del posto idilliaco.

Menta, era infatti scappata dalla sua Milano, pensando così, allontanandosi dai ritmi frenetici della metropoli meneghina, di poter riuscire a ritrovare la tanto agognata ispirazione che le avrebbe permesso di concludere il suo attesissimo romanzo, dove si snocciolano le avventure della piratessa Morag Campbell.

Quest’ultima è un personaggio chiave nella storia che io ho amato particolarmente. Un escamotage letterario, secondo me riuscito egregiamente per dare voce a una sorta di alter ego della protagonista.

“Una vera piratessa se la crea da sola, la propria fortuna. – disse Morag.”


Morag non perde mai occasione per battibeccare con la sfiduciata Menta offrendo sempre i propri commenti, degni di una vera donna di coraggio, una piratessa appunto che non si formalizza più di tanto ed anzi la motiva e spinge a farsi forza: «Smettila di piangerti addosso e tornerai a splendere.»

Girando per l’isola, tutta presa da pensieri e preoccupazioni per il suo romanzo, proprio quando non ha tempo da perdere, ma deve piuttosto sbrigarsi a scrivere e consegnare al più presto, Menta si trova in una situazione un poco fastidiosa. Eppure c’è qualcuno che non ha nessuna intenzione di lasciarsi andare ai ritmi frenetici della giovane scrittrice, ma al contrario la convince o la obbliga, suo malgrado, a una cena a tête a tête.

«[…]Detesto chi si fa aspettare. Come d’altronde non sopporto i nomignoli, quindi ti pregherei di piantarla con le cavolate. »

Intanto la piratessa nella testa di Menta non perde tempo a redarguirla:

– Brava, metti subito le cose in chiaro! – acclamò Morag nella sua testa. – Non abbiamo bisogno di un uomo che ci scocci ogni santo giorno. Siamo qui giusto per rimediare una botta, e poi ognuno per la sua strada. –

L’incontro con il piacente e misterioso Alex porterà a Menta una ventata di energia e soprattutto finalmente la tanto bramata ispirazione. Ma quale sarà il prezzo da pagare? Riuscirà la giovane scrittrice a rimanere a sangue freddo usando i piacevoli randez-vous con il bel ragazzo solo a fini “di lavoro”, senza mettere a repentaglio la propria vita affettiva e a rischio il proprio cuore? Quali sono i segreti che Alex e Menta si nascondono a vicenda? Sapranno perdonare le bugie l’uno dell’altra?

Non vedevo l’ora di riscoprirlo e per questo sono stata incollata alle pagine terminando la lettura in pochissimo tempo.

Per me questo romanzo ha mantenuto le promesse, almeno l’impressione che aveva fatto a me e mi ha lasciato soddisfatta e mi ha reso contenta dall’inizio alla fine.

Concludo con una delle frasi che mi sono piaciute di più:

“Tutto quello che le serviva era tornare ad avere fiducia in quello che faceva. La soluzione a tutto era dentro di lei, doveva solo smettere di scappare e tornare a essere quella che era sempre stata.”

Anna Leone